IL VOLO maniera allo zucchero-acquaforte

IL VOLO

 

Sfoglio, adagio, i fogli di luce di Daniela Rosi come un primo ascolto, come una scoperta. Mi sono giunti per posta, contenuti nel bel catalogo, permettono l’incontro, la conoscenza della sua arte. Spesso passeggio tra le pagine, è una verde passeggiata.

Abito con lo sguardo luoghi ancestrali, irriconoscibili se percorsi velocemente, inanimati poiché nati dal silenzio e silenziosi come l’anima che scava nel segreto del proprio mondo.

Le immagini-creature recano un’esperienza, portano i semi del loro viaggio, parlano il linguaggio del segno.

Ho chiesto all’autrice di dialogare con me, di riflettere insieme sul suo lavoro calcografico.

Proveremo, a distanza, ad illuminare le pagine di questo quaderno attraverso alcune sue risposte.

 

 

LA LUCE E IL SILENZIO acquaforte

LA LUCE E IL SILENZIO

 

“Da dove nascono i soggetti delle incisioni e dove accade l’incontro tra la natura e l’immaginario?”

 

I soggetti delle mie incisioni, nascono osservando, direi quasi con morbosità, tutto ciò che mi sta intorno, anche le cose più banali e transitorie, che in realtà, già appartengono alla sfera del mio intimo.Dal paesaggio al particolare, tutto viene filtrato dalla mente, sedimentato e plasmato dall’anima, rivissuto emotivamente e poi reso cercando la fusione fra il naturale, il riconoscibile e l’esperienza spirituale del sentire, dell’immaginare, del sognare.Nascono così spazi bagnati di luce, alla ricerca di particolari atmosfere, spazi fatti di silenzio perchè il silenzio è la condizione ideale per un reale lavoro di introspezione, per ascoltare gli appelli della mente e dell’anima, per capire se stessi e il proprio intimo sentire e rimanere in bilico fra memoria e desiderio, fra sogno e realtà….ecco dove accade l’incontro fra natura e immaginario, semplicemente nel silenzio dell’anima, tradotto sulla lastra dalla linea dell’orizzonte a separare la terra dal cielo, quasi specularità opposte, ma complementari.

 

“Percepisco un tuo amore per la natura profondo e sacro. In che rapporto è con l’anima? Può l’anima abitare le cose della natura? Può l’anima essere casa della natura?”

 

Sicuramente si…l’anima è casa della natura e può abitare la natura, in una misteriosa fusione tra spirito e materia, indissolubile legame di straordinaria armonia che rigenera giorno dopo giorno la mia stupita meraviglia nei confronti della vita. Solo così è possibile nutrire e dissetare la mia anima. Sentirmi essenza dentro una natura che mi abita e mi infonde poesia e bellezza.

 

 

COROLLE acquaforte

COROLLE acquaforte

 

“Di tutta evidenza è, nelle tue opere, l’assenza della figura umana. Vi è un significato in questo che posso intuire e di cui vorrei che mi parlassi”

Nel silenzio dei miei paesaggi corre un messaggio forte: la nostalgia per una natura intatta, dove l’uomo sarebbe soltanto un elemento di disturbo, incapace di vivere in simbiosi con il mondo, avendo la presunzione di esserne il prescelto dominatore e profanatore.Solo nelle opere che hanno per tema i miei viaggi in Africa, sono riuscita a inserire delle piccole “icone viventi”incise nella materia stessa, miniaturizzati e stilizzati emblemi: gli orizzonti bassi e le figure a dire che noi -terrestri e terreni – tendiamo al grande campo dei cieli.

 

“Può l’uomo, potrà un giorno, ritrovare un equilibrio perduto, riscoprire negli elementi del sogno i suoi frammenti dispersi poiché di fatto egli è frammento di cielo? Potrà aiutarlo l’arte, la sua fruizione e il suo dono “in condivisione”?”

 

Noi siamo terra e orizzonte nella misura in cui respiriamo l’infinito, che i miei cieli sono vaste campiture che spaziano, con tutte le loro trasparenze, come una dimensione possibile, come un respiro dell’anima, come immagine del nostro divenire. Questo il mio messaggio. Io voglio sperare che la poesia e il sogno possano, di nuovo, indicarci la linea ideale del nostro migrare, ma intanto siamo arrivati ad un punto di quasi non ritorno, ce la farà l’uomo a riconoscersi, ancora, in un frammento di cielo? Il dubbio è davvero grande.

 

“Nei tuoi lavori che ruolo ha la luce, la sua osservazione, ha senso credere nel suo respiro,nel sigillo di libertà che reca?”

 

La luce è rinascita, è vagito, è respiro, è la vita di cui ci si riappropria una volta usciti dal nero del bozzolo, è il battito della mie ali, i miei occhi innamorati, il mio essere madre, è il mio modo di arrivare al cielo. Si, è proprio la mia libertà.

 

 

 

elina:

Solo scavando dentro la Bellezza appaiono i solchi e dentro i solchi parlano i luoghi, il senso della natura, il significato delle cose.

Originally posted on CARTESENSIBILI:

liv sorvaag

Liv Sorvaag _artodyssey (6).

Solitudine
La solitudine è come la pioggia. 
Si alza dal mare verso sera; 
dalle pianure lontane, distanti, sale verso il cielo a cui da sempre appartiene. 
E proprio dal cielo ricade sulla città. 
Piove quaggiù nelle ore crepuscolari, 
allorché tutti i vicoli si volgono verso il mattino e i corpi, 
che nulla hanno trovato, delusi e tristi si lasciano l’un l’altro; 
e persone che si odiano a vicenda sono costrette a dormire insieme in un letto unico: 
è allora che la solitudine scorre insieme ai fiumi…

Rainer Maria Rilke
(traduzione di Federica Galetto)

La raccolta omonima di Federica Galetto si apre con la citazione di alcuni versi di Rainer Maria Rilke, tradotti dall’autrice, a porgere una strada di percorrenza.
Nel mettermi in ascolto, nel passeggiare “verso sera” tra le pagine, sento il prevalere dei colori della stagione ormai prossima, appaiono panorami d’inverno tra suoni…

View original 306 altre parole

Immagine Christian Schloe

Christian Schloe

se questo provare un dentro

è stato il mio primo gemere

e risuonare di vuoto e silenzio adorabile,

se il tuo fiato mi ha dipinto e la tua voce mi ha addomesticato,

se questo dire e non dire ha allargato il respiro,

se l’oscuro del nascere è cavità di parola,

se sono stata di questo cielo e terra e non lo so ricordare,

se aiuto il cristallo più acceso dentro di me a non spegnersi,

se c’è un Tutto dentro di me in cui risorgere

 

(Nicoletta Nuzzo da “Amata voce” di prossima pubblicazione)

Sibilla, Rivelazione – Octavia Monaco

Octavia Monaco

 

Improvvisa irrompe
la slabbratura del tempo.
Squilibri sottili si mostrano
il corpo si fa presente
reclama i fili sottratti,
le fratture sottilmente scavate,
i sensi a lungo inascoltati.

La vertigine rapisce sull’orlo di precipizi
inesplorati.
Annaspo, mi sporgo, mi perdo
nella nebbia di viscere troppo a lungo scisse.
Infine, un attimo prima dell’oltre
mi sento.

Il pensiero lascia ciò che troppo a lungo ha sottratto.
Respiro.

Nella bellezza della pausa scopro la libertà del fiato.
Feritoia d’anima, alveo del tempo,
incarnazione del nostro essere qui.

Respiro.

E in questo fiato rinasco.

immagine di Dominique Fortin

Dominique Fortin

 

Tra rami spezzati
bagnati di petalo nero il mio cuore torna
alla porta, verde, al filo d’oro
Sfila la luce
nel polso bagnato che ha perso le favole
indugia una stella
E’ mattino.

Cristina Chiappani

 

cristina chiappani

 

Le bambine dei sogni

sgusciano dall’acqua

iniziano a correre   prima

poi    in passi di danza   e

il tempo  salta   in voce

chiama  con erbari di suoni

 

il loro sguardo mentre

ci insegue.

 

.

da “Per filo e per segno” ed. Terra d’Ulivi 2014

 

 

 

Henri-Edmond Cross

 

Henri-Edmond Cross

 

“ Aveva voli negli occhi e farfalle di suoni sulle labbra”. Sento molto appropriato alle tue poesie questo dire. E’ la levità la tua cifra, nonostante appaiano qua e là rossi contrasti come magie tenacemente cercate. Le parole che usi rendono assai bene il brillio del mare e la paziente luce silenziosa. L’incisione dei ricordi ha quasi il tocco di un rammendo dovuto, la vita è solo quel piccolo gocciare di ore attraverso la cruna di azioni semplici, di luoghi appartati, di spazi tornati segreti. Non verranno altri mari. “Mi spunta in testa il mare/ lunga una conchiglia/ soffiata in cantilena da mia madre/”. E’ il tuo mare, un accecamento di solitudine e speranza, quasi una trasformazione in creatura marina, o creatura dai contorni indefiniti. E cercare al di là del banale è possedere la luce.

Alessandra Baldoni

alessandra baldoni

 

 

Ho radici
lungo il fiume della Vita,
mi alimento di colori e di sostanze
minerali.
Eppure
sbando spesso e mi ritrovo
soffocata, l’occhio rosso, e privata
di ogni alito di vento.
A memoria
conosco lo sgomento,
l’intrusione del male, della fame,
del tormento.
Ma ho radici lungo il fiume della Vita.
E in quelle tasche d’acqua
immergo la mia lotta: vi leggo la promessa
che non sarò sconfitta.

 

 

elina:

molto belli i “passaggi” di questa lettura che coglie intero il “corpo-sogno”
grazie Nicoletta

Originally posted on Nicoletta Nuzzo:

christian-schloe-new-natureSulla poesia di Elina Miticocchio,  Per filo & per segno (edizioni Terra d’ulivi 2014)

Tessere è fare di più filamenti un unico filo che possa estrarre dal vuoto una trama che ci protegga dentro ad un ordine. Ma per la poeta Elina Miticocchio quest’ordine è quasi un disegno onirico che, se rapprende le paure di notte, svanisce di giorno, perché “ritorna il cuore alle stanze del cielo/ all’infinito corpo che in cerchio navighiamo”.

E a muovere questo “infinito corpo” sembra esserci “un debolissimo levarsi delle onde”, un soffio, impercettibile come il respiro, fragile ma potente nell’essere della vita.

Per tutto il libro la parola crea un silenzio fortissimo proprio per ascoltare e non fermare questo soffio che rimbalza fin dall’infanzia “lunga una conchiglia/soffiata in cantilena da mia madre”.

Il corpo di Elina sembra materia sognante che diventa mare “Mi…

View original 132 altre parole

ottobre: 2014
L M M G V S D
« set    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 224 follower