Fogli

Immagini di Jeanie Tomanek

Jeanie Tomanek

Si arriva all’amore guardando l’amore
crescere nei gesti nella cura
osservando impariamo a toccarne il senso ma non sappiamo lo spazio vuoto
non siamo mai pronti
a oltrepassare la nebbia
restiamo di qua ad asciugare le lacrime sul foglio del giorno

Jeanie Tomanek Tutt'Art@ (58)

Io non so dirti dove corrono le mie parole
se nel tempo nel gesto vogliono farsi incontro
per poi svanire nella notte che arriva
Mi sfugge il luogo della parola
la cui luce sfioro intravedendone
l’ombra
eppure ogni ritorno di lettera
mi rivela bozzolo e nuvola

Jeanie Tomanek (10)

Vi erano case cosparse di fiori
nella memoria ali di rosa
la voce mia era ascolto
dopo troppa pioggia
era braccia schiuse la soglia
forse lasciarsi andare
aprire i segreti affollati di solitudine

 

In un nido segreto i doni

Illustrazione di Simona Visconti

Simona Visconti

Porto con me una valigia pesante
vuoto e’ il mio racconto
eppure per un soffio
la luna mi guarda
e accompagna il mio pensare

.

Illustrazione di Antonella Schiralli

Antonella schiralli

La leggerezza del volo

Il passero sa
la leggerezza del volo
La radice sta nella pancia
della terra
L’aria sa
l’attesa della luce

È facile guardare
un fiore mentre si apre
Ti tinge il dito se lo tocchi

(da Le stanze del vento, SECOP edizioni 2016)

 

Il filo

Illustrazioni di Pierre Mornet

pierre_mornet

Siamo seme di amore
foglie segnate dalle domande
l’amore ci interroga
fruga nelle nostre tasche
racconta di un albero dalla folta chioma
e del nostro desiderio di arrampicarlo

(inedito)

 

Mornet

Ti accompagno con passo lento
Il respiro è disteso
Lo percepisco come soffio profumato
Incontriamo un lago di acqua argenteo
È il passaggio della siepe
Verde ci attende il giorno rinato

(da Le stanze del vento, SECOP edizioni 2016)

 

PM

Interrogo il vento

gli chiedo di avere una casa
di foglie croccanti
e di terra castana
con i pastelli a cera
faccio il tetto
con la matita scrivo
le iniziali del mio nome

poi un venticello solletica
il mio orecchio
e ascolto altri nomi
di piccoli come me

vengono dal mare

(da Le stanze del vento, SECOP edizioni 2016)

P

I segni dell’acqua

I segni dell’acqua disegnano cerchi
che mai si chiudono
Se porgi l’orecchio alla terra
le sue vene brune fanno gomitolo
di cieli, di notti, di stanze

Tutto sfiora il fragile ramo
che tu con le mani
tocchi
Al centro ricorda
vi è una stella

(da Le stanze del vento, SECOP edizioni 2016)

Di mattino

Illustrazioni di Antonella Schiralli

A.Schiralli

Prima che il vento soffi
lascia andare la polvere
degli affanni
fai delle paure solo un respiro
un poco piu’ ampio
ma lasciale correre
lontano dal tuo passo

.

Antonella Schiralli

Respiro di cielo nel soffio di ogni momento
che reca il segno della mia piccolezza
eppure nella fragilita’ assaporo l’immenso

Appunti

Immagine di Antonella Schiralli

Antonella Schiralli

I sogni sono rinchiusi
dentro cassetti che non visito
eppure le mani vorrebbero
intrecciare i rami trasparenti
del cuore i respiri
e di nuovo farne casa

(inedito)

.

Tra i regali del vento trovo le chiavi della mia partenza.
Non cercherò una casa ma una nuvola su cui posare il mio piede e restare
in equilibrio per ricevere una carezza
come questa notte una ventata di fiori
mi ha coperta
e così rinata attraverso il giorno

(inedito)

Canto nel viaggio

Tag

, ,

Immagine di Antonio Mora

Antonio Mora

Quando il vento è
aria leggera sui rami
affiora il silenzio
ed è polvere
il suo splendore intatto.
Sento canti di uccelli
volarmi piano, intorno.
Restano le parole a fare il viaggio
suggeriscono i passi del giorno.
– Con le parole in testa non sarò mai sola.

(Poesia tratta da Le stanze del vento di Elina Miticocchio, Secop Edizioni 2016 Collana di Poesia “I Girasoli”)