la linea del sangue

Fotografia dell’amico poeta Mario Bressan

Fiammiferi accesi come passi

del cuore galoppi di nuvole rosate

sia la bellezza di un’alba

il prato rosso

la linea del sangue

ad indicare la via

mai tracciata da fogli

di carta s’infiamma un’idea

non nasce sogno

l’esattore esangue

ti chiede di guardare il destino

è un pugno allo stomaco

spegnere i fuochi della notte

tana dei primi pensieri

le foglie vagabonde

eppure piene di baci

da togliere l’arsura.