ciao mondo

Duy Huynh

Mia cara Laura la schiettezza ti contraddistingue.

Penso che in rete ci siano pagine che aprono mondi, spiragli nel grigiore quotidiano, finestre di vento di cui abbiamo enorme bisogno.

La vita poi cos’è se non respiro a pieni polmoni, malgrado l’aria attorno sia malata di smog e di indifferenza.

Entrambe conosciamo gli infiniti “esercizi” che pratichiamo ogni giorno, tra corse continue, in viaggi interminabili, sempre cariche di buone speranze.

Chissà perché ancora crediamo in un luogo di libertà, in voli di terra su aquiloni “presi in affitto” che qualcuno vorrebbe sub-affittare.

Ed allora gridiamolo il nostro “ciao mondo” e che la strada sia lunga, cosparsa di fiori che mai coglieremo o porteremo nei vasi.

In terra ascolteremo il silenzio, ci farà compagnia.

*

Chiedo silenzio
regalatemi un attimo
chè possa ascoltare
la voce più timida
di chi non sa
parlare se non con la fame
di pane e d’amore

lasciatemi udire
la pena di cuori arresi
i loro segni a tracciare
un sorso nel mattino

pozzanghere di cielo.