Tag

, ,

Anteprima novità editoriale – volume disponibile per 15 aprile

TRANSITI

Il nostro tempo, paradossalmente, funziona anche nell’assenza di idee, così come il progresso marcia veloce nonostante sia scomparsa l’idea del progresso. Un giochino che potremmo applicare a tutto, dalla politica alla sessualità. Allo stesso modo va oltre se stessa una certa idea di scrittura, e forse i social network sono i primi contenitori di una transcrittura che supera i propri codici originari, dopo blog, forum e chat, ma con una marcia in più perché un social network contiene e supera quelle scritture specifiche. […]

i testi subiscono il nuovo mezzo e molti sono stati i componimenti sostenuti dalla velocità e quindi da una qualche istintività emotiva. Quasi una forma di iperreale, che supera il reale in modi infiniti, e mi chiedo ora se invece di selezionare i migliori – meno veloci e più controllati – non fosse invece stato il caso di accogliere tutti i testi per un piccolo esperimento sull’onda del fenomeno, declinato in questo caso al transpoetico.

Mary B. Tolusso

PASSAGGI AL FUTURO

… facebook […] è il gioco divertente e costoso creato dalla crisi dell’appartenenza, ci direbbe Zigmunt Bauman. E a leggere e guardare gli altri ci si inanella in altre storie in altre vite, vere o false non conta perché sono vite narrate dunque vite da leggere […] Perché lanciare allora un bando poetico al popolo di facebook? Perché contaminare la somma arte poetica con un mezzo spesso bistrattato ma sempre frequentatissimo? (…)  perché la poesia, come tutta l’arte, è contaminazione, è mescolanza di immagini e parole, è mettersi nei panni dell’altro e guardare/ci con i suoi occhi. La poesia è quel leggero spostamento del punto di vista, che mette a fuoco o sfuoca l’epifania di un attimo. […] Hanno risposto 160 autori postando 220 testi, dei quali ne sono stati selezionati 50, di cui 26 sono frutto della creatività femminile. […]Non si poteva non voler permeare la poesia di un mondo così oltre il presente, e questa antologia dimostra come la poesia sia già nel futuro, lanciata a colpi di post.

Anna Toscano

ODISSEA SEMPLICE

… Cortigiani in carriera travestiti da capitani ribelli, azzeccagarbugli del varietà e voltabandiera, profeti della pubblicità che reclamano l’aldilà, artisti da spazzatura in vetrine innaturali, vallette della letteratura truccate da angeli ribelli, pseudorivoluzionari in calzamaglia, guerrieri solitari e lunari che lottano nella scomparsa della luce, avventurieri professionisti a cui non interessa null’altro che oltrepassare le colonne d’Ercole dell’effimero; e poi l’equipaggio, un variegato, animalesco equipaggio, tutti nell’ennesimo Mare Magnum: qui nulla è impossibile, persino  trovare chi a questo teatro elettrico, volontariamente in antitesi, sfugge. “Taggo e ritraggo” è nato per analizzare la salubrità, la saturabilità di queste acque in soluzione, per sondare e catturare attraverso la rete invisibile della poesia i percorsi della parola in atto in questo specchio di cielo, nel diffusissimo e trafficato “Waterworld” metamorfico del presente, alla ricerca di un campione di testimonianze multiformi, sommerse e disseminate come arcipelaghi di carta liquida.

Gianpaolo G. Mastropasqua

http://www.lietocolle.info/it/aa_vv_taggo_e_ritraggo.html

Annunci