Avevi lettere di congedo tra i capelli

le crescevi come figli si stringono al petto

ce ne siamo andate entrambe

lasciando sorrisi di donna

hai continuato a impaginare sguardi

nel volto  impresso i nostri desideri

gocce rapide d’allegria, salti di risate

.

per sfamare la distanza

restavamo nubi bianche da toccare

e mani gelate da scaldare.

Rafal Olbinski

Pubblicità

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.