avevo riempito la scatola

fino allo sprofondo

fagocitavo implacabili assenze

nutrendole

traiettorie – di volo

anche la voce, un tempo lieta

l’avevo legata stretta

richiusa nella stanza

alla corda d’acqua salmastra

poi dalla cesta un giorno qualunque

un seme minuscolo slegò la fune

adagio cominciai nell’azzurro

amai di luce un bacio

pur pallido nel suo chiarore.

Fiona Watson

Pubblicità

4 pensieri su “avevo riempito la scatola

  1. rinascite. rare e difficili ed ogni volta qualcosa va perso…Non in questa, che ha saputo abbandonare l’amarezza ed ha rubato alla luce un tenero bacio.
    Tenera e luminosa Elina, come sempre… ❤

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.