Apprendo dalle ali stonate un canto sigillo di cure

Issara Willenskomer

Di chi erano le labbra, di chi le braccia a stringermi?

avvolgo le spalle nel nero

dello scialle canto l’essenza

pane spezzato, pane pegno d’amore
pregno di mancanza
senza alcun nome nato

segno col rosso il rigo

del dolore sarà il perfetto scorrere

scivolo in preghiera annoiata

scalpito urla di gioia

il Tuo cuore senza bende

Annunci

2 pensieri su “Apprendo dalle ali stonate un canto sigillo di cure

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...