“Tuo è il mio Temp(i)o” di Sylvia Pallaracci

Octavio Ocampo

Affannoso è l’andare

per perdersi

con le mani tese

a provocare il vuoto

seminando echi di un fiore

che si schiude

di venature rosate

di voglia

Sei respiro d’aria

inafferrabile

richiamo fatale che mi trascina

dietro le orme

che t’affondano

quando mi sollevi

sull’altare

come una Dea

mortale