e cammino ventosa

ho inforcato enormi occhiali da miope

erano giorni che non vedevo

il tempo di un sospiro è luce o forse

– pensiero bifronte –

scattarmi una foto in posa pensosa

puoi farlo, se vuoi

tre scatti e sorrido al vicolo cieco

non vedo davanti che nero

una scala senza gradini

mentre scivolo scalza tra sassi

qualcuno accenda la luce

la vista.. cerco di tenermi un occhio

aperto tra le dita a guardare verso

lunghe sopracciglia offuscano

il breve giocattolo si ricompone

e il fiato colora maree innevate…

Pubblicità