Leggendo fernirosso

Leggendo fernirosso è difficile scegliere un testo, una sola pagina di rapimento.

E’ mia abitudine stampare e conservare in una copertina di cartone le pagine dell’incontro.

Una la lascio interamente alla visione unendola ad una mia nota di lettura ad indicare la scelta.

Cerco l’ingresso

e cerco il filo

Arianna lo scelse dal suo stesso sangue

.

e cerco il mio amore

tra chiavi di suoni e viole di sole

il mio amore  sfuggito senza la chiave di un dove.

.

Cerco una storia che mi navighi a vista

tra il  tempo che è mio e quello del sogno

cerco una strada anche dentro la voce

.

dentro la pelle del toro disteso   sulla  sabbia

che dorme dentro un’ora fatta d’oro  e sotto l’orlo della sera

lo copre come un bimbo che rincorre la sua corsa.

.

Cerco e mi cerco scrivendomi nel fianco

le parole che non hanno un costo

le parole che non fanno danno

.

il fiore che mi turba e non ha un posto

per crescere e morire come il fiore della vita.

Cerco la falce corta di una luce lesta

.

che non si arresta appena si fa buio e cerco la prospettiva storta

di una storia ancora onesta.

Ma dal centro di me stessa come da una sola stanza

.

sento filiare il tempo ogni suo arcuato movimento

sento il disordine scostante scardinare il vento

dagli assi dell’androne fino a quassù più in alto

nei quartieri di un piccolo fermento.

.

E finchè la vita mi appaia nella corsa

attraverso le fessure del mio sogno

apro  l’uscita dove l’obliquità è regno del tempo

e Arianna scomparsa    dentro il disordine di un  passo

mi riappare.

http://fernirosso.wordpress.com/2010/11/11/cerco-lingresso/

*

Un giorno mi dicesti di cercare l’inizio

il filo d’amore continuo e teso

come corda d’acciaio invisibile ad occhi aperti

imparai ad annusare l’aria di pioggia

il suo respiro farsi accogliente

mai cercai la sua fioritura

ritardai di spalancare le ali

Dedalo bambino le aveva lasciate in una scatola

non la volli aprire

erano nuvole durevoli e salde a fare compagnia

e solitudini spezzate con fede

un tesoro chiamato miracolo dentro la voce

tempo, tempio, navigazione, attimo

3 pensieri su “Leggendo fernirosso

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.