Alicja Rodzik

Un bucaneve esce di scena lasciando un solco nel legno

la  tavola su cui pranzo scrive in minuscolo

colore di madre stanca lontana

dove la bellezza della neve appena colta

sbuca il viola la ruga la piaga

ti aspetto distorto giardino

Pubblicità

3 pensieri su “

  1. Un tormento che batte come batte il cuore. Un rivolo di speranza, forse, nel “distorto giardino”… Ma i bucaneve si nutrono di bellezza e fede, senza cedere al dolore oppure, attraverso il suo raggio imparziale, mantiene vivo l’approccio con il reale.
    Il legno è espressione di calore. Il legno può generare la fiamma, l’ardore, lingue che s’innalzano al cielo; è anche la dimensione familiare.
    Il bucaneve, forse, non c’è più – ma il legno che lo ha incorporato è il segno inequivocabile del suo passaggio.
    Lo chiamo Vita.

  2. strano il senso di non-vita che percepisco…il legno, la tavola, la madre stanca lontana e quel giardino finale…il bucaneve spero fiorisca su altre alte scene! mi piace, molto, anche per il periodo in cui leggo questi tuoi versi…e mi piace anche il nuovo approdo della tua Poesia, molto più intensa e molto più ‘grande’! bravissima Elina, soprattutto per il percorso in divenire che si coglie…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.