punto d’alloggio

Romina Dughero – Punto d’appoggio

sono gigli a tenermi

mi dondolano chiusa

come conchiglia

rigo-cciola sonno

il mondo danza puro

in una campana di vetro.

em

*

al bianco m’aggrappo s-vestita di muro in calce

aggiungo petali al contorno e ri-tratto senza spine

il ventre scoperto lascia intravedere il legame

con la tovaglia d’angolo e merletto..

(Angela Greco)

.

il ventre sorride tra il bianco netto di tutte le assenze
che attendono [origine] annidate in quel taglio
di pelle fiorito tra lo sguardo nascosto e la mano
non c’è un appiglio uno che scardini il centro
che viri il dettato vagito silenzio di questo restare
nel corpo perduto un ricordo
di quando eravamo insieme, confusi
di quando la carne era nido soffice altare
e tutto era sangue ed eco di cuore – uno scoppio –

e tutto era madre

[Silvia Rosa]

.

http://ilsassonellostagno.wordpress.com/2012/06/19/n10-sassolini/

Annunci

13 pensieri su “punto d’alloggio

  1. E’ stupenda…un mondo in una campana di vetro, un essere dentro che guarda all’esterno nella sua gioia di gigli…tutto questo tiene stretto ..e’ il punto d’appoggio…ti abbraccio

  2. Questa che canti, è la stessa sensazione che provo quando vorrei ri-nascere e star bene. Chiusa, come conchiglia, nel bianco puro d’un giglio, protetta in una campana di vetro trasparente che mi culla, calda e rassicurante. Grazie Elina

  3. tra la foto e i versi sinceramente non saprei a chi chiedere di farmi da ‘punto d’appoggio’…mi sento coinvolta da entrambe e per entrambe lascio due righi scritti nella messaggeria di Elina in Fb..brave brave brave!!

  4. il ventre sorride tra il bianco netto di tutte le assenze
    che attendono [origine] annidate in quel taglio
    di carne fiorito tra lo sguardo nascosto e la mano
    non c’è un appiglio uno che scardini il centro
    che viri il dettato vagito silenzio di questo restare
    nel corpo perduto un ricordo
    di quando eravamo insieme, confusi
    di quando la pelle era nido soffice altare
    e tutto era sangue ed eco del cuore – uno scoppio –

    e tutto era madre

    Silvia Rosa

    [Un’immagine incantevole e suggestiva, che mi permetto di commentare così. Bellissimi anche i versi. Un caro saluto]

  5. Assaporare ogni singolo verso , sentirne il singulto sulla pelle e nell’anima…questo mio foglio bianco e’ stato scritto ed io vi ringrazio infinitamente …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...