Incipio, Rosemily Paticchio

P1050049

Oggi propongo due testi di Rosemily Paticchio, dalla raccolta Incipio  (2012, Arca Felice).

Mi piace accompagnarli con brevi considerazioni elaborate durante la lettura.

La parola creatrice chiama all’esistenza il nominato. Le parole dell’autrice nominano le cose, tentano di porgerle come “neve” e “stupore” improvviso. Fragile è il nome, inafferrabile (“senza nome”). Resta la lotta oltre l’umano per scongiurare il niente, il buio che priva le cose dei colori. Accade che nasca o sia in procinto di nascere un seme-sogno, il “sogno dentro al sogno”.

E’ il sogno ad accendere il fuoco e tutti i recinti di ombre e desiderio e sono i suoi segni il “sogno integerrimo”.

La casa dove sosta la parola di Rosemily Paticchio è nella pancia della notte o forse nella prima pancia.

Le immagini esplodono e fecondano, emergono naufraghe, nutrite di acqua corrono in un divenire frastornante, come oracoli si affrettano a evocare.

Mai statico il linguaggio, parlante una molteplicità di visioni, accensioni quasi febbrili, incontenibili nel tessere un filo tra natura/e e trascendente.

                                                              ***

Prima di tutto era la gioia di neve

l’improvviso stupore del ghiaccio

nel contatto gelido

era la corolla a invocare il bocciolo

il nettare a contemplare la sostanza.

Prima di tutto era l’assenza straripante di colori

era l’insieme riassuntivo dei teoremi

la grazia nascente di un batterio

nel primitivo pulsare di elementi.

Prima di tutto era un nome

senza nome

l’impronunciabile antimateria

che declinò in polvere

autografata da uno zero.

Prima di tutto era la fiamma

che bruciava lenta senza sapere

la matrice che coniò il primo stampo

Era la gestazione di un seme

un agguato teso alle sorgenti del sole

un sogno dentro al sogno

una lotta sovrumana contro il tempo.

*

Spazi segreti

Come esiste mughetto tra i fiori di campo

esiste luogo d’incanto

che non risiede ma ci ho visto viaggiare

su battelli sospinti a vapore

la creatura leggera e slanciata

a pochi passi da Dio

con l’anima assetata di cristallo

straripante di petali e forme

nel respiro un infuso di tisana

e vapori di agrumi sul volto

coinquilino dell’erba rugiada.

Annunci

9 pensieri su “Incipio, Rosemily Paticchio

  1. Grazie Elina per la tua acuta sensibilità, hai colto benissimo dicendo che l’intento è quello di scongiurare il vuoto, il buio, il niente, e questo è possibile “tenendo stretto tra denti di piombo un sogno integerrimo”, l’elemento onirico, che giustamente sottolinei, guida questo viaggio fuori dagli schemi che la società spesso c’impone.
    Un caloroso saluto e ancora grazie per la tua profonda lettura dei versi.

    • ero sulle tue pagine da giorni ma volevo cercare una tela da svolgere per “avvolgerle”
      l’atto di scriverne è stato come di “nutrice” che tenta di “aprire” le parole” che sembrano “incomprese”

    • è bello che tu sia qui a dire della poesia di Rosemily.
      Una scrittura che pulsa e accende, a tratti sembra solo eco di passato o forse futuro.
      grazie a te

  2. Si Elina hai ragione, le parole vanno nutrite, se scriviamo solo per noi, a mio avviso, restano incomplete, perché per quanto profonde, prive di una destinazione. Tu sei tra coloro che hanno dato una meta alla mia poesia, e ne sono davvero toccata, così come emozionante è leggere i commenti di cui sopra. Grazie ancora!..

  3. Davvero molto intense. Amo le contraddizioni presenti nella poesia poiché danno vita ad un intero universo, quello della parola e come spesso asserisco “il poeta fa delle sue contraddizioni la sua parte più vera”.

  4. Si da esse, come dai contrasti, si può rendere un terreno fertile, si può giungere all’essere autentico, poiché nella natura umana sono insite tante di queste contraddizioni, e altrettante sfumature diverse di uno stesso manifestarsi!

  5. Pingback: Rosemily Paticchio: Incipio (con nota di lettura di Annamaria Ferramosca) | Neobar

  6. Pingback: Come ombra di latte sulle pareti interiori della stanza- Elina Miticocchio e la raccolta di R. Paticchio | CARTESENSIBILI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...