Tag

, , , ,

Mi approssimo alla voce di Elisabetta Maltese.  Alcune scritture che mi ha inviato sono motivo del mio ascolto. Traggo alcune osservazioni, poche e circoscritte allo spazio del foglio riempito, inchiostrato, dai suoi testi.

Quando leggo parole che non conosco, poiché voce di autori che ancora non ho incontrato, ho spesso brevi visioni. Qui appare l’urgenza e l’evocazione di due elementi, che tornano a dialogare, a dirsi, a scambiarsi la voce-veste. La musica (“nota”) e la parola (“carta”).

Entro questi confini, nel passaggio dedicato tra “endecasillabi” e “sillabe”, accade lo spazio e il tempo, percepiti inter-mittenti, a sguardo presente, a cogliere quasi osservazioni pensose.

E’ un osservare vigile, ritmato, in contatto con ogni punto del percorso che l’occhio traduce in ogni istante.

.

Emil Nolde

Emil Nolde

 

endecasillabi

 

Io scrivo per legittima difesa

sono in piazza e lo striscione è di rosso

rabbia per chi non può persino inchiostro

il suo diritto e il mio dovere urgente

grido a rigo di voce sulla carta

di donne figli  uomini e di animali

fatti minimi storie da sfatare

che non mi basta il dire o ragionare

è troppo poco  – fa vergogna –  e allora

conto le mie sillabe come note

di un notturno ne seguo l’incombenza

il suo eseguirlo adagio come posso

restituisco alla mia fortuna il volto

in ombra a rendere più sopportabile

del giorno il piccolo da trasformare.

 

 

carta vince pietra

 

C’è una misura sottile uno spazio
fra le parole quasi un punto e virgola
volubile come nuvola a marzo
incerto come respiro di donna
in resa o amore. È distanza difficile
da misurare e a guardarla il sorriso
si finge sasso bianco e scintillio
di sguardo, confuso. Eppure
chiude il cerchio delle dita intrecciate
prima del dopo libero di andare.
E si rinasce si rinasce sempre
ché carta vince pietra lo sappiamo
da bambine.

 

vuoti a restare
Mi necessita morire, di tanto
in-tanto una non esistenza giova
un vuoto dove riporre le cose
un ciclico ricambio cellulare
ché nata femmina educata madre
mi permetta di partorirmi donna
dichiarando vita. Tu che sei nato
uomo (ti prego) cerca di capirmi.
.
limoni
Non mi resta che andare.
Prima devo avvicinare le costole
fiocando ogni battito da sipario
(ultimo) sguardo
e intrecciata a una biscroma sarò
nota. Se torno sarà per posare
limoni gialli sul tavolo.
.
da “Per tre lune”, ed. La Vita Felice, 2012
Annunci