Tag

, , ,

Sibilla, Rivelazione – Octavia Monaco

Octavia Monaco

 

Improvvisa irrompe
la slabbratura del tempo.
Squilibri sottili si mostrano
il corpo si fa presente
reclama i fili sottratti,
le fratture sottilmente scavate,
i sensi a lungo inascoltati.

La vertigine rapisce sull’orlo di precipizi
inesplorati.
Annaspo, mi sporgo, mi perdo
nella nebbia di viscere troppo a lungo scisse.
Infine, un attimo prima dell’oltre
mi sento.

Il pensiero lascia ciò che troppo a lungo ha sottratto.
Respiro.

Nella bellezza della pausa scopro la libertà del fiato.
Feritoia d’anima, alveo del tempo,
incarnazione del nostro essere qui.

Respiro.

E in questo fiato rinasco.

Annunci