La mia pelle è colma di farfalle di Karin Maria Boye

opera di Benjamin Lacombe

Benjamin Lacombe

La mia pelle è colma di farfalle, di ali in sussulto –
svolano sui prati e si godono il miele
svolano a casa e muoiono in piccoli spasimi tristi,
neppure la polvere di un fiore è levata da zampe leggere.
Il sole esiste per loro, quello rovente, immenso, più antico dei tempi…
Ma sotto pelle e sangue e dentro le midolla
imprigionate si muovono, pesanti pesanti, aquile di mare,
dalle ali ampie, senza lasciar mai la preda.
Come sarebbe un giorno il vostro tumulto nelle tempeste marine di primavera?
Come sarebbe il vostro grido, quando il sole infocasse gli occhi gialli?
E negli artigli si torcono bianche, come germogli nati nel buio,
le mie intime fibre.
(Trad. di Daniela Marcheschi)

Pubblicità

4 pensieri su “La mia pelle è colma di farfalle di Karin Maria Boye

  1. la poesia femminile, (che non siano quelle poche voci consuete. belle certo, ma consuete,) va ricercata, è celata in piccole pagine poco sfogliate, eppure sono gemme preziose… grazie a te che le accogli!

  2. questa mattina dicevo del quaderno e …inaspettatamente…è arrivato un nuovo foglio
    grazie Mariangela della bellezza di questa voce che non conoscevo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.