tra voci

immagine Daniela Giarratana

daniela giarratana

 

la voce di foglia / mi ripete di non avere freddo
se cammino a marcia indietro
ritroverò i miei passi
nel pongo del tempo

.

la voce di figlia:
all’improvviso è un sole
lungo il cammino

.

tra la vita compresa
e la solitudine resa
metto una luce
e un volto di rondine

.

terra di nuvole
giochi d’acqua
una costellazione ti culla dall’alto

Annunci

una poesia di Cristina Bove

Immagine Cristina Bove

cristina bove

 

ridevo dentro come una bambina
bambina nata a sud di tutto il mondo
e fu così che incominciai a volare
e per esorcizzare le paure
mi diedi fuoco al cuore, ma
più incenerivo più dimenticavo
ora non so che cosa sia essenziale
tanto da poter essere tradotto
:è tutto così improprio ed inesatto
tutto così perfetto.

inedito di Mariangela Ruggiu

opera di Martha Nieuwenhuijs

Martha Nieuwenhuijs

 

Vorrei che mi crescessero
foglie verdi tra i capelli
e radici tra le unghie,
vorrei suoni di vento
nel mio fiato e nuvole
negli occhi, vorrei acqua
scrosciante sulla pelle
e guizzi argentati nelle mani.
Tu scrivimi parole tra le foglie
e uccelli disegnati leggeranno,
canteranno un canto nuovo
e confonderanno il rumore
degli spari.

A custodia di lampi di Patrizia Sardisco

Immagine di Magdalena Wanli

magdalena wanli

 

a custodia di lampi

_ in caso di emergenza

il vetro _ ché mi piove

 

l’ora a rigovernare

i pensieri feriali

dentro un frasario pensile

 

il giudizio sospeso

_ un bilico di piatti

ed asciutti pensieri

 

impilati per bene _

a equilibrio sofistico

Sono tempi di poche lettere

Foto Romina Dughero

romina dughero

 

Sono tempi di poche lettere

fanno vuoto e tracce di voce

col mio poco  canto

la pelle di gioia

respiro un luogo fragrante di fiori

sbocciati i semi, dipinti i prati

un viaggioracconto che chiamo stagioni

segni, disegni, tempi di ascolto

Immagine di Chiara Criniti

Chiara Criniti

 

Spesso mi sembra di udire il fruscio delle ali di velluto di uno stormo.
Sono puntini che hanno consistenze di seta.
Così le parole sono quadri e ombre taglienti.
Contro il foglio bianco fanno richiami e non-tempo