Scendono i giorni

Scendono i giorni a rotta di collo
su ulivi rossi di menzogna e povertà
cingono il fianco di festa consunta
umiliano il fiato la luce sorgiva
tra i monti e il mare spersi
la luna falcia il tempo degli onesti
è un gran correre strattonare
relegare e allineare
app(r)endere tutto e subito ad ogni costo
passi pesanti a calpestare appartenenze e semi
bambini esiliati nel loro giocattolo
malati addormentati per tanta solitudine
graffia l’anima questo giorno smagliante
di abiti e addobbi rigirati per l’occasione
rievocazione imbarazzante la memoria
quando col braccio allontana il calice
per nutrire la mano di un pasto abbondante

–per ora c’è ancora – dice qualcuno.

(18 dicembre 2011)

5 pensieri su “Scendono i giorni

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.