Giulia Orecchia

giulia orecchia

ho riscoperto i pastelli a cera
le loro ombre di colore tra i tetti
e le iniziali dei nomi
ho ritrovato i pensieri del vento
il fruscio delle parole sottovoce
infine la bellezza delle cose fragili
mi ha parlato
dall’arcobaleno del suo pianto
.
da Le stanze del vento. Prefazione di Angela De Leo, SECOP edizioni 2016
Annunci