Appunti su disegni

Disegni di Antonella Schiralli

A.S..jpg

Ha le ali di un angelo
mi appare al fruscio dell’alba
è un bimbo che guarda
in silenzio vola muto

.

Antonella S

Le ali mi spuntano tra le piccole scapole
Sono verdi come i rami del mio albero
Le cui radici sono salde dentro
Nel profondo del petto
Segnato da istanti di te

Annunci

Elina Miticocchio, poesie da Le stanze del vento

Poesie da Le stanze del vento (Secop edizioni 2016 – prefazione Angela De Leo) e nota di commento di Anna Maria Curci

Poetarum Silva

miticocchio_stanze

Elina Miticocchio, Le stanze del vento. Prefazione di Angela De Leo, SECOP edizioni 2016

Le stanze del vento trova nella  mano che ne tratteggia linee e ne dipinge, alterna e sfuma i colori l’unitarietà della visione poetica di Elina Miticocchio, che, raccolta dopo raccolta, sta vivendo  una progressiva maturazione. Lo sguardo percepisce i moti dell’animo ‘al cospetto delle cose’, anche i più lievi, quasi impercettibili; rievoca e ricostruisce l’universo bambino,  con il costante alternarsi e fondersi di nostalgia e anelito fiducioso. Dai quattro elementi, tra i quali l’aria e l’acqua rivestono un ruolo di primo piano, scaturisce l’energia che anima i versi. Non preoccupazioni di metrica sono il soffio dei versi, ma una tensione costante ad afferrare e condensare l’attimo dell’impressione ‘felice’, ovvero piena. Più che musicale, dunque, è una poesia figurativa, con una predilezione, pare a chi legge, della tecnica dell’acquerello. La ricerca della luce è da intendersi…

View original post 422 altre parole

brevi

@copyright Caterina Arciprete

Caterina Arciprete.jpg

.

Un punto di sospensione
dentro gli occhi
Potremo mai osservare
dentro l’infinito?
Anche un albero e’ infinito
e ci sorprende perderci
nel suo sguardo

.

quali meravigliosi semi e radici e vermi e vento muovono i miei passi
stamattina camminavo su un sentiero dove antichi solchi facevano gradino, ero su una scala di foglie e il legno profumava di immenso

Finestre

© Glenda Sburelin

Glenda Sburelin

 

Nel respiro che porta la parola
ritorno bambina su un lago.
L’albero antico sta fermo, irraggiungibile.
Veglia come una sentinella sul mio prato di fragili appunti .
Conosce il tempo in cui per me torneranno le stelle.