Francesco Paolo Dellaquila legge “Le stanze del vento” di Elina Miticocchio

Le stanze del vento SECOP edizioni 2016. Prefazione di Angela de Leo.

Opera in copertina ‘Come un albero’ di Anna Redaelli

copertina

 

“Le stanze del vento” di Elina Miticocchio è un libro elegante, accurato, metodico, con andamento delicato come la melodia di un coro di voci bianche dove tuttavia si possono recepire diverse forme tonali, espressive e con un grande effetto di ‘retrogusto’. La poesia, nella sua apparente semplicità, richiede un’accurata oculatezza per metabolizzare ogni livello del pensiero della poetessa, per meglio distinguere le ‘forme’ dei contenuti e rintracciarne le immagini poetiche create. Ed è un pensiero che si sprigiona (e si legge) in ogni singola parola per poi completarsi in una valida sintassi poetica.
Il miracolo della poesia di Elina si compie anche attraverso accorgimenti spesso involontari che innescano proprietà indispensabili come il ritmo e la musica! “Mi allontano / a piedi scalzi / dalla terra nutrice / e casa paterna”. Analizzando questi versi possiamo constatare qual è la condizione che produce il suono: innanzitutto la presenza di parole piane poi l’innesco attraverso l’uso si sillabe ripetute come la “erre” in: terra / nutrice / paterna. Come anche la “enne” finale nel primo e nell’ultimo verso come cenno di rima.
Ed ancora: “prima di svegliare il silenzio / attorno riponeva i sogni / tessuti nei suoni del vento / in terre di rinnovata memoria” Qui troviamo la “enne” come sillaba da collante tra un verso e l’altro.
Sono ricami, decorazioni, ornamenti di parole, sono creazioni intessute con ago e filo. La pacatezza dell’andamento non manca di sussulti come nel gioco di una bambina che indossa parole pensando al futuro, come non mancano intuizioni apprezzabili di una poetica innovativa e moderna.

Annunci

3 pensieri su “Francesco Paolo Dellaquila legge “Le stanze del vento” di Elina Miticocchio

  1. Le parole sono spesso amiche e riflettono la cura e l’attenzione del cuore che le disegna e le svolge.
    Ringrazio l’amico e poeta Francesco Paolo Dellaquila per il suo dono.

  2. Una lettura interessante da cui emerge un aspetto a volte sottovalutato… dopo aver letto in questi giorni la rigidità di certi sostenitori della metrica come condizione imprescindibile perché uno scritto sia poesia, ecco invece qui che si sottolinea come la poesia, quando è poesia, generi e contenga in sé l’armonia dei suoni e lo stesso ritmo della musica… La poesia non nasce dall’artificio dell’uomo, ma contiene in sé i suoi stessi semi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...