le poesie

le poesie più belle le ho scritte in solitudine, nel silenzio delle ore che come onde sonore hanno guarito le mie caviglie.
Ho allacciato parole e voli ai miei piedi e orme e notti e pianto.
Nelle nuvole disfatte ho ricreato la mia rosa di mare, di terra, e-mersa.
Ero la neve, ero la favola, il lieve andare e tornare ai colori di pesca, pastelli di giorni e frammenti sul ciglio del rosso, e liquide carezze per amare, per amarmi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.