per-corsi (tra me e Francesca Ferrari)

Veronique Paquereau

Paquereau

 

                                                                                                                                                      e sia suono il tuo occhio e il passo che percorre il viaggio

 

Abbandonami suolo
ch’io possa spingermi
a pelo di cornea sfiorare
l’aria ch’io possa
rifrangere l’ombra
mia su te
orbitare

Annunci

il centro

foto Viola Cadice

viola cadice

di luce il centro occhieggia

onde di suono e dondolii

memorie di cieli

perché io sia inter(n)a

nel ritaglio, nel risveglio

nel varco che preme

un chiodo all’essermi

Glicine e perla

immagine Agnese Gatto

agnese gatto

vi è un filo di azzurro che chiuse la cicatrice e destò il sogno di essere viva/poter continuare a inebriarsi di occhi e cielo, di soli e solitudine radiosa come tangibile abbraccio

Le ore lente

  Dominique Telmon

Dài una casa all’incredulità, lascia entrare

della luce l’arco sottile, l’odore terreno

la presenza che colora

il ritorno in voce sembrerà normale

le notti tenui di luna lasciano una scia di neve

una prolungata fioritura.

*

leggendo Fiorella D’Errico “Architetture (20)

http://networkedblogs.com/hgpFJ

Amo quella finestra ricamata

da cui rimiro vecchie lampade ad olio

sto al caldo di un abito fresco

è già finita estate ed io non ricompongo

le cose  in casa

punto il dito su una riga di ombretto

sciupata ammiro il pettine

in tremito di dita il suo ritaglio

Ti tengo stretto, nel mio pensiero

  Duy Huynh

e dell’arsura sarà immenso
infinitamente stretto l’abbraccio

in tessuto di luce segreta
nel mare che ospita
noi naviganti d’acqua
salata e di pioggia

che veste i nostri capelli
come statue ammutolite
siamo emozione, fiato
respiro che vive

*….

e riempie la mente
di madreperla. Dolce è
il sale sulla pelle
lontano dal rumore di 
notti insonni. Lascio la
testa su un cuscino
di sabbia e versi contrari.

  Erin Parish