le poesie

le poesie più belle le ho scritte in solitudine, nel silenzio delle ore che come onde sonore hanno guarito le mie caviglie.
Ho allacciato parole e voli ai miei piedi e orme e notti e pianto.
Nelle nuvole disfatte ho ricreato la mia rosa di mare, di terra, e-mersa.
Ero la neve, ero la favola, il lieve andare e tornare ai colori di pesca, pastelli di giorni e frammenti sul ciglio del rosso, e liquide carezze per amare, per amarmi.

Poesia che mi conduci

Dipinto di Didier Lourenço

Didier Lourenço

Poesia che mi conduci
oltre la soglia di una spiga
nel cuore mio spezzato
che cerca riparo in nuvole-parole
Porta dei cieli che in me si sparpagliano
per ricompormi voce tra le voci
che cercano un salto un volo una terra da cui partire

pensieri

la prima pioggia mattutina –

ora mi chiamerò

<< fragilità >>

.

Sunita Khedekar

Sunita Khedekar

 

Cosa dice il cuore?

Poco, riflette la sua immagine.

Vorrebbe dire il suo segreto

custodito

nel silenzio che lo rivela.

.

Sarah Henson

Sarah Henson

 

 

La solitudine è del gesto.

Senza parole, senza transiti.

Posso abitarmi, offrirmi,

germinarmi guscio

fino a s – farmi

aria.